Smart working e case a 1 euro: a Ollolai (Nuoro) arriva la prima nomade digitale

Clarese Partis, 39 anni, designer, viene dalla California. Ha aderito al progetto del comune per combattere lo spopolamento e al quale hanno risposto da tutto il mondo. In arrivo una coppia da Singapore

TgCom – 02 settembre 2023

Tutti pazzi per Ollolai (Nuoro). O, almeno, lo saranno i 1.112 candidati che hanno risposto al progetto del paese della Barbagia, nel cuore della Sardegna, “Work from Ollolai/Traballa dae Ollolai”, promosso per combattere lo spopolamento in collaborazione con l’associazione culturale Sa Mata. L’obiettivo è quello di sviluppare una rete di residenze internazionali a favore di professionisti che vivranno e lavoreranno a Ollolai grazie allo smart working. E ora è arrivata la prima nomade digitale: è Clarese Partis, 39 anni, designer dell’agenzia User Experience, proveniente dalla California.

“Vivere qui è meglio di quanto mi aspettassi”. Clarese Partis già da due anni lavora da remoto come nomade digitale. “Il mio obiettivo è quello di fare il mio lavoro ovunque mi trovi servendomi della rete e delle nuove tecnologie. Quando si è presentata l’opportunità di partire per Ollolai ero entusiasta di venire per godere di una nuova natura, delle montagne e dall’aria fresca. Ci sono da pochi giorni e ci starò un mese, ma devo dire che vivere qui è meglio di quanto mi aspettassi e l’accoglienza è stata calorosissima. C’è così tanto da esplorare in Sardegna e sono felice di immergermi all’interno dell’isola e nella sua cultura”.

Case a 1 euro. Il progetto dell’amministrazione comunale incentiva gli arrivi proponendo una casa al prezzo simbolico di 1 euro al mese, sulla scia di un’idea che il comune ha avviato qualche anno fa: con 1 euro a Ollolai si può acquistare una casa disabitata, a patto che la si ristrutturi e la si abiti, incrementando così popolazione e ricadute economiche. L’iniziativa nasce da un’idea del sindaco Francesco Columbu, in un primo momento sviluppando una rete con l’America ma poi estendendo il bando a tutto il mondo. A maggio il lancio della proposta che rimbalza nei media internazionali, facendo piombare negli uffici del comune, l’incredibile cifra di oltre mille richieste di ‘nomadi digitali’. “Accoglieremo a braccia aperte tutti quelli che vorranno venire, naturalmente in base agli alloggi che abbiamo a disposizione, e altrettanto facciamo oggi per Clarese – spiega il primo cittadino – La loro presenza rivitalizzerà il paese che offre natura, tranquillità, cibo sano, tradizioni e una comunità accogliente. Voglio ricordare anche che siamo una delle cinque Blue zone del mondo, terra di centenari e ultracentenari”.

In arrivo una coppia da Singapore. Il prossimo arrivo è previsto per la fine di settembre e si tratta di una coppia proveniente da Singapore. “Certo non immaginavamo di ricevere più di 1.000 richieste da tutto il mondo – commenta Veronica Matta, presidente di Sa Mata e direttrice del progetto -.Ci hanno scritto dal Perù, dal Messico, dal Sudafrica, dall’India, ma anche da tanti Paesi europei. Naturalmente non possiamo soddisfare tutti, ma è certo che cercheremo di capire le potenzialità  di questo settore”. Intanto gli stranieri continuano a comprare case a 1 euro in paese. “L’ultima l’ha acquistata un ambasciatore del Sudafrica – conferma Matta – Gli stranieri comprano, ristrutturano le abitazioni e le mettono a reddito realizzando dei B&B. Per loro è una grande opportunità: tengono come base Ollolai da cui partono per esplorare tutta la Sardegna. Opportunità che potranno sfruttare anche i ‘nomadi digitali'”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diventa un cohouser!

Iscriviti al nostro sito e conosci altre persone interessate a realizzare forme di abitare collaborativo, quali il cohousing ed il coliving,
in Italia ed all'estero.

Cohousing Italia

Il social network dell'abitare collaborativo in Italia. Mettiamo in contatto tra loro le persone interessate a realizzare cohousing e coliving in Italia ed all'estero.